logo

Lombardia in prima linea con l’intergruppo consiliare per la lotta contro il cancro

MILANO – Una conferenza stampa per presentare il nuovo Intergruppo consiliare regionale per la tutela dei diritti dei pazienti malati di tumore. L’iniziativa è stata presentata nella Sala del Gonfalone del Pirellone alla presenza delle forze politiche di maggioranza e di minoranza che hanno aderito all’iniziativa. L’intergruppo si inserisce nel progetto “La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere” ideata e promossa da Salute Donna Onlus e alla quale hanno aderito venti associazioni impegnate nella tutela dei diritti dei pazienti oncologici ed ematologici.

In Lombardia sono oltre 564mila le persone vive dopo la diagnosi di cancro e il numero stimato di nuove diagnosi nel 2017 è di circa 63mila. Il tutto ha anche un costo importante per il sistema sanitario regionale.

“Nella scorsa legislatura – ha spiegato la presidente Anna Mancuso, coordinatrice del progetto – l’intergruppo lombardo (primo in assoluto ad essere stato costituito) ha lavorato su temi importanti come l’esenzione del ticket per le pazienti con mutazione BRCA e l’adozione di un percorso diagnostico-terapeutico assistenziale per il tumore al seno metastatico”.

L’intergruppo ora guarda al futuro. “Da parte di tutti ci sono buona volontà e voglia di iniziare – ha aggiunto la presidente – Le priorità sono il PDTA delle donne con mutazione Brc e la creazione del registro dei tumori ereditari.

L’integruppo, coordinato da Alessandro Corbetta,è formato dai consiglieri Giacomo Basaglia Cosentino, Viviana Beccalossi, Carlo Borghetti, Francesca Attilia Brianza, Claudia Carzeri, Francesca Ceruti, Luca Del Gobbo, Federico Lena, Franco Lucente, Floriano Massardi, Barbara Mazzali, Monica Mazzoleni, Andrea Monti, Manfredi Palmeri, Luigi Piccirillo, Selene Pravettoni, Carmela Rozza, Elisabetta Strada, Simona Tironi, Michele Usuelli.